Compostabile in impianti di compostaggio industriali: La Certificazione BPI

Compostabile in impianti di compostaggio industriali: è certificato anche dal BPI

Sacchital, con il packaging 100% Compostabile “PaperCompost/HB®, ha ottenuto la prestigiosa certificazione BPI (Compostable in Industrial Facilities) proveniente dal più noto ente scientifico americano Biodegradable Products Institute, che verifica e attesta la qualità dei prodotti compostabili.

Tutti i prodotti che ottengono la certificazione BPI sono stati sottoposti a rigidi test di laboratorio, studiati per confermare l’effettiva compostabilità in conformità agli standard riconosciuti dell’organizzazione BPI.

BPI (Biodegradable Products Institute) è il principale Istituto Americano per la certificazione di prodotti compostabili e imballaggi. È un’organizzazione scientifica il cui scopo è quello di sostenere il passaggio all’economia circolare promuovendo la produzione, l’uso e la possibilità di un adeguato fine vita per materiali e prodotti progettati per essere biodegradabili e completamente compostabili in ambienti biologicamente attivi.

Nel 1999, BPI ha creato un innovativo programma di certificazione per garantire che i prodotti e i materiali di imballaggio siano compostabili a tutti gli effetti.

Certificazione BPI

L’innovativo logo BPI, riservato esclusivamente alle aziende associate che hanno superato l’iter di certificazione, garantisce che l’imballaggio compostabile è stato testato e verificato in laboratori indipendenti in conformità a norme tecniche e standard scientifici (ASTM D6400 e / o ASTM D6868).

Facile da leggere. Facile da usare.

Il logo BPI è progettato per essere stampato sui prodotti e sui loro pack. Oggi consumatori, compostatori, trasportatori di rifiuti e operatori ecologici possono distinguere facilmente i materiali plastici compostabili, progettati per biodegradare completamente se posti in condizioni di compostaggio in impianti comunali e industriali ben gestiti, dove la biodegradazione avviene ad altissima velocità rispetto al compostaggio domestico. L’assenza di eventuali residui di plastica garantirà l’elevata qualità del compost finito.

Il logo BPI presenta un numero di certificazione univoco, situato nell’angolo in basso a destra, che indica il produttore o il distributore di un prodotto che ne detiene la certificazione

Un metodo scientifico e riconosciuto

I prodotti vengono testati in laboratori indipendenti ufficialmente approvati. Gli esperti scientifici di BPI verificano che vengano rispettate le metodologie ASTM D6400 o D6868 e i relativi parametri di compostabilità. Questo metodo è il frutto di otto anni di intenso lavoro di ricerca da parte di scienziati, produttori di resine e membri dell’industria del compostaggio.

La conformità a questi standard garantisce che packaging analizzati siano in grado di biodegradare in modo completo, rapido e sicuro, proprio come gli scarti alimentari, vegetali e la carta grezza. Il metodo ASTM D6400 è progettato in modo specifico per i film compostabili e sacchetti in bioplastica. Il metodo ASTM D6868 è specifico per gli imballaggi compostabili progettati per essere raccolti con il rifiuto organico e destinati agli impianti di compostaggio (compresi i packaging in carta e cartone plastificati). Il programma BPI e il relativo logo sono riconosciuti in tutto il Nord America e il Canada come standard di riferimento per i packaging compostabili e biodegradabili approvati nei programmi di recupero dei rifiuti organici.

Articoli correlati

Colussi ci crede e adotta l’innovazione dell’imballaggio compostabile a barriera

 Il nuovo imballaggio compostabile in Mater-Bi e carta è oggi utilizzato per gli snack salati Natura Ricca di Misura, gruppo Colussi. Il gusto dello…

Read More

Pubblicata sul numero di Settembre/Ottobre della rivista Converting Italia la presentazione della famiglia NextFilm™ by Ticinoplast

NextFilm™ rappresenta l’impegno di TicinoPlast verso l’economia circolare. I primi film che entrano di diritto in questa famiglia sono i film compostabili; 5 film…

Read More

Cibus Forum, 2-3 settembre, Fiere di Parma

Il primo evento phygital di networking per contribuire ad una strategia coordinata che riesca a far crescere l’industria agroalimentare nazionale.  Relazioni di istituti di…

Read More
Scroll top