Green Packaging: i 5 concetti più innovativi per il packaging del futuro

Green packaging è sinonimo di imballaggio ecologico.

Viene prodotto attraverso la lavorazione di materie prime riciclabili (carta, cartone e polietilene riciclato) ed eco friendly. Il suo ciclo di vita naturale potrebbe seguire diverse strade quali un ulteriore riciclo a fine utilizzo, il riuso o la trasformazione. Gli imballaggi compostabili e quelli biodegradabili fanno anche loro parte della famiglia del Green Packaging, ma a differenza delle confezioni riciclabili, sono costituiti da sostanze che possono tornare nel ciclo naturale degli elementi in un tempo ragionevolmente breve.

green packaging impatto ambientale
Una goccia d’acqua che simboleggia la Terra appoggiata sull’erba

Ritorno al futuro: l’imballaggio e il suo impatto ambientale

L’ONU stima che entro la fine di questo secolo la popolazione mondiale raggiungerà 11 miliardi di unità. La crescita economica e la profittabilità saranno componenti di rilevante importanza dello sviluppo sostenibile, in quanto le aziende, in futuro, dovranno far fronte ad un forte incremento della domanda di beni e risorse. Tale problematica, dovrà essere affrontata mettendo in pratica le conoscenze relative all’impegno ecologico ed alla sostenibilità apprese negli ultimi decenni per evitare conseguenze irrimediabili per il nostro pianeta.

Uno degli obiettivi del packaging ecosostenibile è contribuire positivamente al processo di crescita economica facendo attenzione a ridurre gli effetti negativi frequentemente associati al settore del packaging.

La risposta è, appunto, il GreenPackaging!

Viene prodotto impiegando soluzioni ecosostenibili e metodi di produzione volti a generare il minor impatto ambientale possibile, sia in termini di consumi energetici legati alle logiche produttive e logistiche, sia valutando le eventuali ripercussioni del prodotto stesso sull’ambiente durante tutto il suo ciclo di vita.

Prima di andare ad elencare i concetti innovativi del packaging del futuro, è opportuno cogliere i principali “green trend” del settore, ovvero:

  • la riduzione delle dimensioni e del peso delle confezioni;
  • il potenziamento delle attività di riciclo delle materie rinnovabili (carta, cartone, polietilene riciclabile, etc.);
  • il recupero dei rifiuti, ecocompatibile e corretto, con le moderne pratiche di smaltimento;
  • l’impiego crescente di nuovi materiali derivanti da fonti rinnovabili;
  • l’utilizzo sempre maggiore di materie prime secondarie e prevalentemente sostenibili, come quelle compostabili che hanno una provenienza alimentare;
  • il perseguimento di miglioramenti con riferimento all’efficienza della logistica;
  • lo sviluppo di un migliore sentimento civico e consapevole dato dalle campagne di sensibilizzazione per i consumatori.

I principi eco friendly del packaging sostenibile

Il Green Packaging è il punto di equilibrio tra la crescita economica e lo sviluppo ecologico del prodotto confezionato. Le sue caratteristiche distintive sono:

  • la tecnologia environmentally-friendly, cioè le moderne tecniche e strumentazioni ecologiche ad impatto “zero” nel totale rispetto dell’ambiente;
  • il resource-saving ovvero il risparmio delle risorse, sia energetiche che produttive del prodotto-packaging.
Mani che mostrano un foglio di carta con il simbolo dei prodotti riciclabili
Mani che mostrano un foglio di carta con il simbolo dei prodotti riciclabili

Durante il proprio lifetime (ricerca e sviluppo, progettazione, produzione, uso e riciclo), il green packaging arreca danni nulli o marginali all’ambiente e alla salute delle persone. Questo aspetto è fondamentale per poter indicare una nuova direzione, auspicabilmente innovativa, capace di offrire un imballaggio ecosostenibile in grado di ridurre sprechi e conseguenze a livello ambientale.

La parola “Green” generalmente viene usata come sinonimo dei termini ecocompatibile, rispettoso dell’ambiente ed ecosostenibile, e in maniera più approfondita la voce eco-progettazione nel settore dell’imballaggio è considerata un’alternativa alle espressioni: design ecosostenibile, eco-design e design attento all’ambiente.

Ma quali sono quindi i concetti ecologici che stanno alla base del Green Packaging?

Andiamo a scoprirli insieme qui sotto.

I concetti alla base del Green Packaging
I concetti alla base del Green Packaging

CONCETTO 1 – Sicurezza per tutti: società, azienda e consumatori

È sicuro sia per il singolo consumatore che per la società nel suo complesso durante tutto il suo ciclo di vita ed è in grado di soddisfare i criteri di mercato in termini di costi e performance. La progettazione di confezioni adeguate consente di moderare e limitare le conseguenze potenzialmente negative degli imballaggi sull’ambiente e sulla società a livello globale. La gestione dei rifiuti da imballaggio risulta complessa, insidiosa e di per sé cruciale.

Quindi la creazione di sistemi a circuito chiuso finalizzati alla raccolta e recupero dei rifiuti e delle risorse costituenti il packaging, che siano anche ragionevoli dal punto di vista economico, risulta essere un aspetto essenziale per la gestione sostenibile dei materiali.

Una nuova progettazione del Green Packaging accredita il principio della responsabilità condivisa nella quale le conseguenze ambientali siano da attribuire a tutti coloro che sono coinvolti nel tempo di durata dell’oggetto in questione (progettisti, fornitori, produttori, distributori, utilizzatori e smaltitori concorrono alla conservazione delle risorse e alla prevenzione dell’inquinamento).

Le iniziative relative alla sostenibilità degli imballaggi comprendono una progettazione migliore dei packaging, volta a migliorare il recupero degli stessi, alrispetto della natura, all’ottimizzazione dell’uso di risorse e delle componenti, oltre che all’implementazione di strategie e sistemi di riutilizzo e alla cosiddetta riduzione alla fonte.

Il significato della riduzione alla fonte si riferisce a qualsiasi modifica nella progettazione, produzione, acquisto o utilizzo di materiali o prodotti (incluso l’imballaggio) per ridurne la quantità o la tossicità prima che diventino rifiuti/scarti solidi urbani. La riduzione della fonte si riferisce anche al riutilizzo di prodotti (Sustainable Packaging Coalition, 2011).

CONCETTO 2 – Packaging prodotto attraverso l’utilizzo di energia rinnovabile

L’approvvigionamento, la produzione, il trasporto e il riciclo devono esser effettuati utilizzando fonti di energia rinnovabile. Utopia? Forse, ma è un obiettivo reale e raggiungibile per l’intero settore.

Attualmente la maggior parte dei processi che interessano il packaging dipendono da fonti di energia fossile, quindi la la transizione verso l’impiego di fonti di energia rinnovabile, come in tutta la catena produttiva del packaging, risulta essere un obiettivo difficilmente raggiungibile nel breve periodo. Infatti, in relazione con il packaging system, il trasporto risulta essere una componente significativa nel consumo di combustibili fossili.

In egual misura può esser considerata la produzione dell’imballo stesso, basti pensare alla produzione del film di plastica, che come fonte principale di energia utilizza per la sua creazione il combustibile fossile.

Come scritto in precedenza, le problematiche relative al settore del packaging che hanno causato l’emergere di problemi ambientali sono molteplici. Quest’ultimi potrebbero potenzialmente e parzialmente essere risolti mediante l’impiego dell’energia rinnovabile.

Veicolo innovativo elettrico per la logistica del packaging system
Veicolo innovativo elettrico per la logistica del packaging system

CONCETTO 3 – Ottimizzazione dell’uso di materie prime rinnovabili o riciclate come sinonimo di “innovazione”

La scelta di utilizzare un prodotto ecologico e riciclato come la carta e cartone, o l’impiego di prodotti biodegradabili, compostabili e rinnovabili aiuta a concorrere attivamente alla riduzione degli sprechi, alla costante diminuzione degli scarti e, al contempo, contribuisce ad assicurare lo sviluppo di un’economia circolare.

Questo significa che gli operatori economici devono implementare moderni principi ecologici in ambito industriale, mentre i progettisti devono essere in grado di garantire e offrire soluzioni di riciclabilità dei materiali, soprattutto se questi ultimi derivano da fonti primarie non rinnovabili.

Al fine di creare packaging realmente green, è essenziale incentivare le aziende e i loro rispettivi fornitori a ri-organizzare i propri processi nel rispetto della natura e nei criteri imposti dalla cleaner production affinché vengano soddisfatti gli standard per una produzione responsabile ed ecocompatibile.

CONCETTO 4 – Si scrive Green packaging, si legge Green life

Per realizzare una progettazione sostenibile di eco imballaggi risulta di fondamentale importanza la selezione dei componenti più sicuri, sia per il consumatore che per l’ambiente, coerentemente all’esigenza di assicurare un’adeguata qualità dell’involucro e con il fine ultimo di migliorare gli effetti generati sulla natura e sull’ecosistema.

Risulta necessario identificare ed eliminare, o quantomeno, ridurre i pericoli associati agli elementi costituenti il packaging durante la loro intera durata. L’impiego su larga scala degli imballaggi monouso e il conseguente grande volume di rifiuti che ne deriva, rendono inevitabilmente dannoso anche il materiale chimico usato in piccolissima quantità in ogni singola confezione prodotta.

CONCETTO 5 – Impatto zero

È progettato in modo tale da minimizzare la quantità di elementi impiegati con uno speciale occhio di riguardo al risparmio energetico, così da poter esser ecocompatibile, recuperabile e rivalorizzabile all’interno di flussi sostenibili di materiali a circuito chiuso.

Infatti, la fase di progettazione determina il 70% dell’impatto del prodotto a livello ambientale (Sustainable Packaging Coalition, 2011). Analizzando l’intero ciclo di vita dell’imballaggio ed esaminandone gli aspetti più sensibili, si è in grado di anticiparne le conseguenze con la finalità di minimizzare gli eventuali problemi che ne possano derivare.

È di fondamentale importanza scegliere in maniera consapevole le componenti, tenendo conto delle esigenze del packaging in termini di performance e considerare l’impatto dello stesso durante la sua esistenza. In particolare, è necessario valutare tutti gli scenari possibili con riferimento all’uso di energia:

  • la gestione dell’eliminazione una volta che il packaging sarà giunto al termine del suo utilizzo;
  • l’idoneità ecocompatibile dell’imballaggio così da facilitare il recupero della parte riciclabile.
Impegno collettivo delle persone durante la progettazione di green packaging
Impegno collettivo delle persone durante la progettazione di green packaging

Il Green packaging sei anche tu

Il recupero delle componenti che costituiscono il packaging green può essere ottenuto solamente se coesistono contemporaneamente una serie di elementi:

  • una sufficiente collaborazione lungo la catena di approvvigionamento;
  • una progettazione degli imballaggi coerente e che rispecchi i valori di salvaguardia e rispetto dell’ambiente;
  • la creazione d’infrastrutture di raccolta, recupero e smaltimento adeguate con un effettivo supporto da parte di tutti gli attori: produttori, rivenditori e consumatori.

Articoli correlati

Raccolta dell’umido: cosa mettere nei rifiuti organici e perché

Quante volte trovandoci di fronte al bidoncino dei rifiuti organici ci siamo domandati se stessimo svolgendo la raccolta dell'umido in maniera corretta? É ormai…

Read More

Packaging compostabile: scopriamone i vantaggi

Il packaging compostabile, con i vantaggi del suo utilizzo, sta emergendo a livello globale come una delle più interessanti soluzioni di sostenibilità, ma il…

Read More

Una migliore consapevolezza sulle plastiche biodegradabili e compostabili per difendere l’ambiente

I prodotti in bio-plastica biodegradabili e compostabili, come shopper,  imballaggi o bicchieri, sono sempre più diffusi grazie al loro configurarsi come soluzioni rispettose dell'ambiente.…

Read More
Scroll top