Una migliore consapevolezza sulle plastiche biodegradabili e compostabili per difendere l’ambiente

I prodotti in bio-plastica biodegradabili e compostabili, come shopper,  imballaggi o bicchieri, sono sempre più diffusi grazie al loro configurarsi come soluzioni rispettose dell’ambiente. Un briefing dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA), rilasciato il 27 agosto, afferma che etichettatura chiara e consapevolezza del consumatore sono parametri fondamentali per il corretto utilizzo di queste bio-plastiche .

Infatti, perché le plastiche biodegradabili e compostabili riducano effettivamente il problema dell’inquinamento, devono essere smaltite correttamente, un punto importante spesso non ben compreso dai consumatori, a quanto afferma il briefing dell’EEA. Molti consumatori non sanno, per esempio, che le condizioni nelle compostiere domestiche e nell’ambiente aperto sono molto diverse rispetto agli impianti di compostaggio industriale e quanto ciò possa influire sulla velocità e sulla completezza del processo di biodegradazione.

Il briefing EEA offre spunti e chiarimenti sul tema delle bioplastiche compostabili e sul loro ruolo nell’economia circolare.

Scarica il report qui: https://bit.ly/2EHLfjf

Articoli correlati

Con l’obiettivo di 42 milioni di confezioni di plastica in meno, anche Pasta Agnesi lancia un nuovo packaging 100% compostabile

Agnesi, il più antico pastificio italiano, tradizionale simbolo di eccellenza nella lavorazione del grano duro dal 1824, ha scelto di sposare un nuovo packaging…

Read More

Il contributo del compost ai suoli

Con la serie video “Conoscere il suolo” si vuole sensibilizzare gli utenti su come l’utilizzo del compost di qualità gioca un ruolo fondamentale nel…

Read More

Cosa è la compostabilità

E' un termine che si riferisce ai prodotti che, dopo l'uso, possono essere recuperati mediante il compostaggio che è la trasformazione dei rifiuti di…

Read More
Scroll top