Quadro normativo degli imballaggi compostabili: la normativa uni en 13432

La norma europea EN 13432, il primo standard in assoluto sulla compostabilità, è stata pubblicata per la prima volta nel 2000 e soddisfa i criteri principali della Direttiva europea 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio.

Normativa su base volontaria, armonizzata in tutta l’Europa, in Italia è stata recepita dalla norma tecnica italiana UNI EN 13432:2002: “Imballaggi – Requisiti per imballaggi recuperabili mediante compostaggio e biodegradazione – Schema di prova e criteri di valutazione per l’accettazione finale degli imballaggi”.

Marcatura EN13432
La normativa UNI EN 13432 è un documento di riferimento importante per i produttori di imballaggi

Caratteristiche della UNI EN 13432:2002

Un materiale/prodotto per definirsi compostabile, in accordo con la norma UNI EN 13432:2002, deve rispettare le seguenti caratteristiche:

  • biodegradazione dopo sei mesi, almeno al 90%;
  • disintegrazione dopo 12 settimane: la massa del materiale risultante deve essere costituita da frammenti di dimensioni inferiori a 2 mm almeno per il 90%, e non deve avere effetti negativi sul processo di compostaggio;
  • il compost deve essere di qualità e il contenuto di metalli pesanti ed altre sostanze chimiche deve rimanere al di sotto dei limiti di legge stabiliti.
infografica normativa uni en 13432

UNI EN 13432: un importante strumento normativo

I materiali e/o prodotti conformi alla UNI EN 13432 possono essere certificati ed etichettati di conseguenza; infatti questa normativa prevede anche una serie di requisiti di marcatura per gli imballaggi compostabili.

Questi devono essere facilmente visibili e indicare la conformità alla normativa, la composizione del prodotto e le sue istruzioni d’uso.

La normativa UNI EN 13432 è un documento di riferimento importante per i produttori di imballaggi, in quanto stabilisce i requisiti di qualità e sicurezza necessari per garantire che gli imballaggi compostabili siano sicuri ed ecologicamente sostenibili.

La normativa ​​UNI EN 13432 contribuisce alla tutela dell'ambiente e alla promozione di prodotti sostenibili
La normativa ​​UNI EN 13432 è considerato un importante strumento di regolamentazione che contribuisce alla tutela dell’ambiente e alla promozione di prodotti sostenibili

È considerato un importante strumento di regolamentazione che contribuisce alla tutela dell’ambiente e alla promozione di prodotti sostenibili.

Inoltre, la normativa contribuisce alla riduzione dei rifiuti, in quanto consente di smaltire in modo sicuro ed eco-compatibile gli imballaggi compostabili.

La normativa UNI EN 13432, prevede anche una serie di requisiti di marcatura per gli imballaggi compostabili
I materiali e/o prodotti, possono essere certificati ed etichettati conformi alla UNI EN 13432, questa normativa infatti prevede anche una serie di requisiti di marcatura per gli imballaggi compostabili

Norme compostabili nel resto del mondo

Normativa Europea: EN 13432

In Europa, lo standard di certificazione più utilizzato e basato sulla norma EN 13432 è l’OK Compost INDUSTRIAL®, certificazione emessa da TÜV AUSTRIA.

Normativa Americana: ASTM D6400 e ASTM D6868

Negli Stati Uniti, sempre con lo stesso scopo, sono state sviluppate le omologhe ASTM D6400 e ASTM D6868, create dall’organismo di normazione ASTM International (American Society for Testing and Materials International).

L’istituto BPI (Biodegradable Products Institute), infatti, certifica materiali/prodotti in base alle rispettive ASTM sopra-indicate:

  • ASTM D6400 è la specifica standard per l’etichettatura di materie plastiche progettate per essere compostate aerobicamente in impianti municipali o industriali;
  • ASTM D6868 è la specifica standard per l’etichettatura di articoli finali che incorporano plastica e polimeri come rivestimento o additivi con carta o altri substrati progettati per essere compostati aerobicamente in strutture municipali o industriali senza influire negativamente sull’ambiente. Questo standard è utilizzato anche per i prodotti con un film o rivestimento realizzato con plastica biodegradabile.

Normativa australiana: AS 4736-2006

In Australia, un materiale plastico per essere dichiarato biodegradabile e compostabile deve rispettare lo standard AS 4736-2006, che a somiglianza dello standard EN 13432, fornisce criteri di valutazione per i materiali plastici che devono essere biodegradati in impianti di compostaggio aerobico municipali e commerciali.

In più prevede un requisito aggiuntivo: oltre all’effetto non tossico sulle piante, il compost non deve risultare nocivo neanche per i lombrichi che lo ingeriscono.

Questo standard è stato predisposto da Standards Australia (www.standards.org.au) per aiutare le autorità a regolare i materiali polimerici che entrano nel mercato australiano.

L’Australian Bioplastics Association (ABA) ha creato un sistema di certificazione che aiuta produttori, distributori e rivenditori a comunicare la loro conformità a questo standard così da garantire la qualità del proprio prodotto rispetto alle dichiarazioni di biodegradabilità dello stesso.

norme compostabili nel mondo

Articoli correlati

Il valore aggiunto dei prodotti compostabili

Con lo sviluppo della raccolta differenziata dell’organico si è sviluppata anche una filiera industriale che realizza tutta una serie di prodotti biodegradabili e compostabili…

Read More

Bioplastica e nuovi materiali plastici: un’alternativa compostabile

Ovvero come il mondo della plastica sta cambiando in un'ottica più sostenibile In questi ultimi anni ci stiamo confrontando con una serie di temi…

Read More

Il contributo del compost ai suoli

Con la serie video “Conoscere il suolo” si vuole sensibilizzare gli utenti su come l’utilizzo del compost di qualità gioca un ruolo fondamentale nel…

Read More
Scroll top