Packaging compostabile: scopriamone i vantaggi

Il packaging compostabile, con i vantaggi del suo utilizzo, sta emergendo a livello globale come una delle più interessanti soluzioni di sostenibilità, ma il suo pieno potenziale non è stato ancora raggiunto. Le premesse ci sono tutte:

  • nel corso dell’ultima conferenza di European Bioplastics, l’eurodeputata Maria Spyraki ha descritto la bioplastica compostabile come un contributo “interessante e credibile” alla realizzazione dell’economia circolare.
  • Ellen MacArthur Foundation, nella sua New Plastics Economy, ha incluso gli imballaggi compostabili nel percorso verso la circolarità dei materiali. Più di 450 aziende nel mondo hanno aderito alla New Plastics Economy.
  • La tendenza dei produttori di packaging è l’uso sempre più diffuso di materie prime rinnovabili da fonti sostenibili e di bioplastiche compostabili e bio-based, con una maggiore attenzione all’impatto ecologico e al rispetto dell’ambiente.

L’obiettivo comune è garantire la realizzazione di prodotti circolari, dalla rinnovabilità delle risorse al recupero dei materiali. Il packaging compostabile non è la soluzione universale, ma nelle giuste applicazioni costituisce una efficace alternativa alla plastica tradizionale e contribuisce al consolidamento del settore biologico dell’economia: la bioeconomia circolare.

Packaging compostabile: scopriamone i vantaggi, Itscompostable
La bioeconomia circolare impiega le risorse biologiche e rinnovabili del pianeta in maniera sostenibile

Il mondo della compostabilità

L’imballaggio compostabile:

  • è costituito da materiali di origine organica
  • può essere recuperato tramite compostaggio trasformandosi in nuova risorsa e riducendo quanto più possibile l’impatto sull’ambiente.
  • è un imballaggio biodegradabile e durante il processo di compostaggio si decompone completamente producendo anidride carbonica, biomassa e acqua.

Andiamo più a fondo nella definizione e facciamo chiarezza su due punti:

1. Non tutta la bioplastica biodegradabile è anche compostabile!

  • Il biomateriale compostabile è uno tra tanti tipi di materiali biodegradabili, che è in grado di disintegrasi e biodegradarsi completamente entro un determinato tempo e in condizioni controllate.

2. I prodotti cosiddetti oxo-degradabili non sono biodegradabili e compostabili.

  • La plastica oxo-degradabile è plastica tradizionale a cui sono stati aggiunti additivi per accelerarne la frammentazione in frazioni minuscole.
  • Come stabilito anche dalla Commissione Europea, non esistono prove che la plastica oxo-degradabile subisca una biodegradazione completa in un tempo ragionevole.

Nei prossimi articoli vedremo più in dettaglio le differenze tra plastica biodegradabile e compostabile. Nel frattempo, “occhio all’etichetta!“, e continua a leggere questo articolo sugli imballaggi compostabili.

L’imballaggio compostabile e il suo valore per il confezionamento degli alimenti

Una certa copertura mediatica ritrae i prodotti compostabili come un’innovazione adatta a tutte le applicazioni e la soluzione definitiva all’inquinamento da plastica… ma questo non è corretto. In questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza.

Cominciamo dalla visione più ampia: il valore della bioeconomia circolare – continua a leggere!

L’ eco-packaging compostabile nella bioeconomia circolare

vantaggi packaging compostabile
I vantaggi del packaging compostabile

La bioplastica, e in particolare la bioplastica biodegradabile e compostabile certificata secondo lo standard EN13432, ben si inserisce nell’agenda del Green Deal europeo. Questa iniziativa riconosce tra le azioni prioritarie:

  • l’utilizzo di materiali climaticamente neutri,
  • la promozione dell’innovazione tecnologica mirata alla bioeconomia circolare,
  • il miglioramento del recupero degli scarti organici.

In Italia la raccolta dello scarto organico ha conseguito una grande accelerazione grazie all’introduzione del sacchetto compostabile, che ha consentito una gestione del rifiuto più efficiente.

Allo stesso modo, in determinate applicazioni, l’imballaggio compostabile può contribuire a incanalare i rifiuti alimentari nel corretto flusso di smaltimento destinato al compostaggio. L’alternativa? Quando non sono separati correttamente, i residui alimentari vanno a finire in discarica.

Uno spreco, no?

VANTAGGIO 1

Il packaging compostabile contribuisce a limitare la quantità di scarto alimentare che finisce in discarica

Oltre allo spreco alimentare in sé, lo scarto organico nelle discariche rappresenta una grande fonte di metano, un gas serra 25 volte di più potente dell’anidride carbonica. Un impatto climatico non indifferente.

L’utilizzo di bioplastica compostabile in certe applicazioni di imballaggi per alimenti consente di recuperare in maniera più efficace i residui alimentari. Ciò evita il loro smaltimento in discarica e apporta un maggior contributo organico all’impianto di compostaggio. Pensiamo alle capsule di caffè e alle bustine di tè: anche dopo l’uso, contengono un quantitativo preponderante di prodotto, che rischia di essere sprecato.

Se invece sono confezionati in materiali compostabili, questi prodotti possono essere recuperati più facilmente nel bidone dell’umido, insieme al loro imballaggio.

Packaging compostabile: scopriamone i vantaggi, Itscompostable
La capsula compostabile consente di recuperare il contributo organico del caffé residuo

Da rifiuto a risorsa: il compost

Cosa succede alla frazione umida della raccolta differenziata quando arriva all’impianto di compostaggio? Il rifiuto si trasforma in una nuova risorsa, il compost, un fertilizzante naturale che aiuta la rigenerazione del suolo. Uno dei vantaggi più circolari dell’imballaggio compostabile.

VANTAGGIO 2

Il packaging compostabile contribuisce alla produzione di compost di qualità

Nell’impianto di compostaggio, le componenti bio-based dell’imballaggio compostabile, che sono biodegradabili, rilasciano componenti organici arricchendo il compost con un’ulteriore fonte di carbonio. Inoltre, l’imballaggio compostabile fa da strutturante al cumulo di compost, che in questo modo “respira” meglio e si processa in maniera più efficiente.

Il compost viene poi utilizzato in agricoltura e nel florovivaismo come ammendante: si comporta come un ottimo concime naturale che arricchisce il suolo con nuova e preziosa sostanza organica. Il ciclo della bioeconomia si chiude e si rigenera.

compost fertilizzante naturale
Il compost è un fertilizzante naturale per il terreno

Trovi un approfondimento sul compost nel nostro articolo qui; continua a leggere per scoprire di più sull’imballaggio compostabile.

Una raccolta differenziata più pulita

Nella frazione umida dei rifiuti molto spesso si trovano elementi estranei, che non possono essere trattati negli impianti di di compostaggio perché non biodegraderebbero nei tempi utili del processo. Si tratta per lo più di plastiche tradizionali erroneamente o distrattamente immesse nel contenitore dell’umido.

Individuare i materiali estranei più frequenti e sostituirli con soluzioni compostabili contribuisce a ridurre le contaminazioni e a conferire agli impianti di compostaggio una raccolta più pulita. Stiamo per scoprire un altro beneficio.

 VANTAGGIO 3

Il packaging compostabile riduce la contaminazione plastica nella raccolta differenziata dell’umido

In ITALIA nel 2018 la frazione organica dei rifiuti è stata di 7 milioni di tonnellate (fonte ISPRA). Dalle analisi del CIC (Consorzio Italiano Compostatori) è risultato che le contaminazioni sono principalmente costituite da plastica, che rappresenta il 3,1% del peso totale.

Le conseguenze della contaminazioni sono duplici: la qualità del compost si riduce; e i costi di processo aumentano, perché il compostatore deve effettuare ispezioni e separazioni. E ogni volta che un frammento di plastica viene rimosso, questo trascina con sé anche una parte di scarto alimentare, che sarà destinato alla discarica.

Come ci arriva la plastica nel bidone dell’umido? Può succedere facilmente: per esempio pulendo un piatto dagli avanzi, senza accorgersi di un’etichetta adesiva o dei frammenti di un pacchetto di snack.

I prodotti di packaging più frequentemente trovati come contaminanti possono essere ri-progettati in bioplastica compostabile, così da migliorare la qualità e l’efficienza della produzione di compost.

Una vita più semplice per i consumatori

I consumatori più attenti sanno che per un corretto riciclo l’imballaggio va pulito dai residui alimentari in eccesso. A volte questo comporta scomode manovre di separazione. In questi casi, l’utilizzo di un incarto compostabile, potrebbe semplificarci la vita e costituire un incentivo a fare più volentieri la raccolta differenziata, in modo corretto e senza problemi. Vantaggioso, vero?

 VANTAGGIO 4

Il packaging compostabile crea un’esperienza semplificata per i consumatori

L’utilizzo di un imballaggio compostabile per alimenti consente di disporre del rifiuto alimentare insieme al suo involucro. Ciò aiuta a semplificare la raccolta, non solo in casa ma anche e soprattutto quando ci si trova in ambienti chiusi come stadi, aeroporti o mense. Allo stesso modo, un approccio compostabile ai prodotti per il catering e la ristorazione da asporto, dove gli imballaggi dopo l’uso possono risultare molto sporchi di cibo, consente di recuperare meglio avanzi e involucri.  Inoltre, i consumatori ricevono un messaggio inequivocabile e semplificato su come smistare i loro rifiuti.

Comunicare la compostabilità: i consumatori apprezzano

Apriamo una parentesi. Per veicolare il messaggio di sostenibilità in modo pratico e chiaro, l’imballaggio stesso può e deve farsi messaggero, tramite etichette ambientali e certificazioni. Una recente ricerca Nielsen evidenzia che un italiano su tre legge queste informazioni prima di acquistare. Il 23% dei consumatori fa le sue scelte valutando le caratteristiche del materiale usato nell’imballaggio. Queste etichette aiutano il consumatore a gestire correttamente il rifiuto dopo l’uso e le certificazioni svolgono un ruolo fondamentale nel rafforzare la fiducia dei consumatori.

Le certificazioni di compostabilità attestano l’idoneità del prodotto al compostaggio industriale secondo i criteri della norma UNI EN13432. Enti accreditati eseguono i test e rilasciano la certificazione di compostabilità ai produttori, che possono apporre il corrispondente logo sulle confezioni. In questo modo si offre ai consumatori una bussola per orientare le proprie scelte di acquisto e di consumo nel rispetto dell’ambiente .

imballaggo compostabili alimentari
Comunicazioni chiare sugli imballaggi alimentari tutelano il diritto dei consumatori ad una scelta d’acquisto consapevole

Riciclo o riciclo organico?

Come detto, la bioplastica biodegradabile e compostabile e il compostaggio non sono le soluzioni assolute al problema dell’inquinamento da plastica. Come insegnano le Direttive Europee, la gerarchia dei rifiuti privilegia nell’ordine la riduzione, il riuso e il riciclo dei materiali da imballaggio.

Quando non si può impedire che un materiale arrivi a fine vita, non resta che riciclarlo. Tuttavia, ciò non è sempre possibile; allora la compostabilità rappresenta un percorso di recupero funzionale. In questo caso si parla di riciclo organico, un’altra virtù dei nostri protagonisti.

VANTAGGIO 5

Il packaging compostabile può essere una soluzione alternativa agli imballaggi non riciclabili

Le plastiche tradizionali sono versatili, leggere e resistenti. Come riportato dal Corepla (Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Plastica), in Italia il 44% circa degli imballaggi plastici immessi sul mercato viene riciclato.

I tassi di riciclo devono migliorare ancora molto per raggiungere gli obiettivi 2030, che l’Unione Europea ha fissato al 55% per gli imballaggi plastici. Per questo molte aziende sono al lavoro sulla ri-progettazione del packaging, utilizzando materiali e configurazioni atte al riciclo, senza spreco di risorse.

Alcune categorie di imballaggio però non trovano o non possono trovare la strada per un riciclo efficace. Per esempio, perché utilizzano un mix di materiali diversi tra loro e non separabili; oppure perché sono pesantemente contaminate dai residui alimentari.

Un contributo significativo all’aumento dei tassi di riciclo può derivare dalla sostituzione, in alcuni prodotti non riciclabili, delle plastiche di origine fossile con bioplastiche da fonti rinnovabili. Si riesce così ad incrementare la riciclabilità di certe tipologie di imballaggio destinandole al riciclo organico, che contribuisce al raggiungimento dei target europei.

I vantaggi del packaging compostabile: vediamoli tutti insieme

Riassumendo, l’imballaggio compostabile:

  1. contribuisce a limitare la quantità di scarto alimentare che finisce in discarica;
  2. contribuisce alla produzione di compost di qualità;
  3. riduce la contaminazione plastica nella raccolta differenziata dell’umido;
  4. crea un’esperienza semplificata per i consumatori;
  5. può essere una soluzione alternativa agli imballaggi non riciclabili.

Oggi chi progetta prodotti (e imballaggi) compostabili deve conoscere e incrociare l’effettiva convenienza del loro utilizzo, i loro impatti ambientali e la disponibilità sul territorio di una rete di impianti di compostaggio. La sfida è complessa ma l’innovazione ha fatto molti progressi e oggi nuove soluzioni sostenibili, al servizio dell’industria e dell’economia circolare, sono già diventate realtà.

Puoi trovare esempi già oggi presenti sul mercato a questo link: Anche loro sono compostabili – Itscompostable

Il nostro prodotto è tra questi e lo trovi su itscompostable.com!

Vuoi leggere altri articoli? Vai al nostro Magazine!

Articoli correlati

Compost: un fertilizzante naturale per il terreno. Eccone i benefici.

Ogni volta che mangiamo produciamo anche dei rifiuti organici che potrebbero produrre compost: bucce di frutta, scarti vegetali, avanzi di cibo, gusci, fondi di…

Read More

Una migliore consapevolezza sulle plastiche biodegradabili e compostabili per difendere l’ambiente

I prodotti in bio-plastica biodegradabili e compostabili, come shopper,  imballaggi o bicchieri, sono sempre più diffusi grazie al loro configurarsi come soluzioni rispettose dell'ambiente.…

Read More

Cosa è la compostabilità

E' un termine che si riferisce ai prodotti che, dopo l'uso, possono essere recuperati mediante il compostaggio che è la trasformazione dei rifiuti di…

Read More
Scroll top